Seleziona una pagina

Come combattere lo stress dell’insegnante

Gli insegnanti sono spesso soggetti a una situazione di stress e disagio lavorativo cronico (Burnout).

Questo corso aiuta i docenti a prevenire questa sindrome e offrire loro strategie per contrastarne l’insorgenza prestando attenzione ai primi sintomi e accrescendo la consapevolezza di sé, del proprio ruolo.

Struttura del corso

Luogo

Via Respighi 11 – Fermo (presso Studio Iacopini)

Date

  • venerdì 23 marzo 2018 – dalle 18:00 alle 20:00
  • venerdì 13 aprile 2018 – dalle 18:00 alle 20:00

Docente

Dr. Lucia Candria – Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

Per informazioni e iscrizioni

Tel: 3929873080

Costo

€ 40,00 + iva

Cos’è la sindrome di Burnout

Come rivelano diverse ricerche in materia, gli insegnanti risultano la categoria professionale più soggetta a “burnout”, con questo termine si indica una situazione di stress e disagio lavorativo cronico. Il burnout si riscontra in tutte le professioni basate sui rapporti interpersonali che comportano un elevato investimento emotivo, colpendo soprattutto i soggetti più motivati e con elevate aspettative nei confronti del lavoro, questo il motivo per cui tra le categorie particolarmente esposte al rischio spicca quella degli insegnanti.

In Italia il primo lavoro sul tema è stato condotto nel 2004 dal medico Vittorio Lodolo D’Oria, che all’epoca faceva parte della commissione medica che rilasciava i certificati di idoneità al lavoro in provincia di Milano. Studi italiani recenti, condotti in Lombardia e in Piemonte, parlano di un 80 per cento di insegnanti coinvolti.

Ecco alcune delle problematiche che i docenti affrontano quotidianamente e che sono fonte di disagio e stress:

  • Il sovraccarico di ruoli e degli impegni.
  • L’assenza di strumenti e metodologie per fronteggiare i problemi.
  • La necessità di ridefinire un ruolo modificato da continue riforme scolastiche.
  • La difficoltà nell’organizzazione di tempi e metodi di lavoro.
  • Lo scarso controllo sul proprio lavoro.
  • Le scarse possibilità di avanzamento di carriera.
  • L’insoddisfacente riconoscimento dell’impegno e valore professionale del docente da parte di altri.

I tipici sintomi del burnout interessano diversi livelli, da quello cognitivo a quello fisiologico:

  • Scoraggiamento.
  • Difficoltà di concentrazione
  • Incubi notturni
  • Irritabilità
  • Sensi di colpa e fallimento.
  • Iperinvestimento sul lavoro, che diventa il centro della propria vita, anche a dispetto dell’esaurimento delle energie.

Tuttavia il vero paradosso consiste nel fatto che gli stessi insegnanti, prime vittime degli stereotipi circolanti, sembrano non essere pienamente consapevoli del fatto che il loro mestiere comporta il logoramento psicofisico.
Di fatto chi educa e insegna spende, nel bene o nel male, moltissime energie psicofisiche e di conseguenza, a seconda delle risorse personali e delle capacità di gestirle, ciascuno può andare incontro a situazioni di stress, fino ad arrivare al burnout.